GLI AUDACI CANTORI CAPITOLO 2: NON TROVO LE PAROLE

View Calendar
2018-06-20 19:00 - 22:00

*****************************
GLI AUDACI CANTORI
*****************************

GLI AUDACI CANTORI è una serata di racconti dal vivo ideata e curata dall’attore e performer Massimiliano Balduzzi per lo spazio Bistrot di Après-Coup.
Ispirata agli incontri di storytelling contemporaneo, come The Moth eThe Tell di New York, e omaggio alfarefilò di un tempo lontano, l’idea è di dare al pubblico la possibilità di ascoltare quattro storie legate da un tema comune, narrate da altrettanticantoriinvitati da Massimiliano Balduzzi per l’occasione.

Uniche condizioni cui ciascun narratore dovrà attenersi sono la veridicità della storia e una durata che non superi i quindici minuti.

Con GLI AUDACI CANTORI s’intende presentare quattro storie che non siano state precedentemente scritte o memorizzate, ma che siano raccontate dal vivo con quell’immediatezza audace, imprevedibile e imperfetta, che caratterizza la narrazione orale.

Per una sera, lo spazio incantato di Après-coup sarà teatro di una sperimentazione dedicata all’ascolto intimo che intende celebrarel’incredibile varietà dell’esperienza umana.

Mercoledí 20 Giugno 2018

Ore 19.00

Après-coup – Via Privata della Braida 5 – Porta Romana – Milano

INGRESSO GRATUITO

————————-
Per info e prenotazioni: info@apres-coup.it oppure telefonando al numero 02.38243105
————————-

GLI AUDACI CANTORI CAPITOLO 2: NON TROVO LE PAROLE

Il 28 giugno 1969, con la rivolta di Stonewall a New York, comincia simbolicamente il movimento di liberazione omosessuale.

Più recententemente la marcia per la fierezza omosessuale (gay pride) è diventata anche un’occasione per celebrare le meravigliose sfumature della diversità, intesa in tutte le sue forme.

GLI AUDACI CANTORI ritornano con i racconti di quattro coming out incentrati sul delicato momento di affermazione – pubblica e privata – della propria identità, per il quale è spesso difficile trovare le parole.

Le storie di questa sera non possono che essere “diverse” da tutte le altre.

Buon ascolto.

Massimiliano Balduzzi