Le serate di Après-coup

  • 05
    05.Ottobre.Venerdì

    20:00-22:00
    2018.10.05

    QUEL CHE RESTA

    A proposito di mobbing, shocking e altre amenità
    “Il passato il danno lo ha già prodotto, ora può solo diventare poesia” 

    V. Capossela

    di e con Monica Faggiani
    aiuto regia: Silvia Soncini
    grafico: Andrea Finizio
    disegno luci: Alessandro Tinelli

    L’idea nasce da una riflessione sul mobbing che l’autrice/interprete del progetto sta portando avanti da diversi anni.
    I dati statistici ci raccontano che questo fenomeno è in largo aumento e spesso le “vittime” non ne sono neanche consapevoli.
    Viene raccontata una storia di “ordinaria follia” come ce ne sono tante… ma spesso  sommerse dall’abitudine e dalla difficoltà di parlarne.

    Bisogna raccontarle invece e bisogna combatterle!

    Una storia in cui la vicenda legata al mobbing viene inserita all’interno di relazioni più ampie in cui si giocano “dinamiche di potere”.
    Perché si entra in queste dinamiche? E’ possibile uscirne?
    Con lucido disincanto e potente ironia la protagonista cercherà di rispondere a queste domande facendoci partecipare alla sua storia, raccontandoci come ne è venuta fuori e soprattutto testimoniando come questa possibilità ci sia sempre per tutti.

    Momenti lirici si alterneranno a momenti di cruda informazione sulle modalità e conseguenze del mobbing e soprattutto a momenti di comicità in cui la protagonista si divertirà a prendere in giro se stessa, le illusioni e le fragilità del nostro tempo.

    E la narrazione si apre così a temi quali l’amore, le speranze per il futuro e la capacità di riappropriarsi del proprio destino.

    Le vicende di Candy Candy e il mito di Persefone accompagnano trasversalmente tutta la storia che altro non è che un viaggio che la protagonista compie dal mondo delle fiabe dell’infanzia all’età adulta, età della consapevolezza e della possibilità di scegliere.
    Una semplice fanciulla che diviene Regina degli Inferi!
    Una storia di coraggio e di cambiamento.

    Uno spettacolo in cui molti potranno identificarsi e perché no riflettere su come cambiare ciò che di noi e della nostra vita spesso ci sembra impossibile da cambiare.

    ————————————————————————
    INGRESSO: 20 EURO COMPRENSIVO DI APERITIVO
    Info e prenotazioni: proscenio@apres-coup.it oppure 02.38243105

  • 06
    06.Ottobre.Sabato

    18:00-23:59
    2018.10.06

    6 OTTOBRE 2018 ORE 19:00

    Siete pronti per il party più party di tutti i party?
    Siete pronti ad ascoltare il Jazz delle Ginger Bender?
    Il 6 ottobre non prendete impegni. O meglio, prendeteli con noi! Festeggeremo il nostro primo compleanno e vogliamo avervi tutti vicini.Vogliamo ringraziare amici, artisti, chiunque sia stato con noi nei nostri primi 365 giorni di vita.

    Vi aspettiamo, dalle 19 in poi, per brindare con noi al futuro!
    Naturalmente in Via Privata della Braida, 5 – Porta Romana – Milano

    info@apres-coup.it oppure 02.38243105

    La serata è rivolta a chiunque ci conosca già, a chiunque voglia conoscerci e a tutti quelli che cercano un luogo dove sentire musica, vivere il teatro, godersi una mostra e, perché no, assaporare dell’ottimo cibo e bere cocktail superbi!

    Durante la serata offriremo un brindisi ai nostri ospiti che, tra le altre cose, potranno chiacchierare con gli artisti che ci hanno accompagnato durante questo nostro primo anno.

  • 11
    11.Ottobre.Giovedi

    19:00-21:00
    2018.10.11

    11 ottobre 2018, ore 19:00
    La data milanese del festival un’isola in rete vi aspetta da Après-coup!

    Dialogo a partire dai libri di Massimo Onofri (Ingrati maestri) e di Luca Doninelli (Una gratitudine senza debiti).
    Con Luca Doninelli e Massimo Onofri.

    Un dibattito su Giovanni Testori: scrittore, drammaturgo, storico dell’arte e critico letterario italiano.

    Non mancate!

    INGRESSO GRATUITO

    Per info e prenotazioni: info@apres-coup.it oppure chiamando il numero 02.38243105

  • 12
    12.Ottobre.Venerdì

    20:00-22:00
    2018.10.12

    Federico Sirianni
    presenta

    SI CHIAMAVA FABER E ALTRE STORIE
    Viaggio molto personale nel mondo di Fabrizio De Andrè
    Recital di narrazione e canzoni

    Fabrizio De Andrè, un mito troppo grande per poterlo raccontare in maniera consueta o, addirittura, banale.

    Federico Sirianni, pluripremiato cantautore genovese, ha avuto l’opportunità di conoscere De Andrè e di incontrarlo alcune volte nel proprio cammino di vita, esperienziale, musicale.
    Sono stati incontri fugaci, ma di una potenza inaudita, sufficienti a delineare in maniera quasi inequivocabile, per un giovane in procinto di cimentarsi nel mestiere del cantautore, la grandezza umana e artistica del più straordinario scrittore di canzoni del novecento italiano.

    Sirianni racconta aneddoti inediti su Faber, proprio perché vissuti in prima persona.
    Cerca di penetrare nei sottotesti di una storia ormai molto conosciuta da tutti.
    C’è una Genova leggendaria e una Genova calpestata e sofferta sulla propria pelle a fare da set principali ai racconti e alle canzoni.
    Sì, perché ovviamente, non possono mancare le canzoni, non necessariamente le più famose, ma quelle che riescono forse a esprimere, oltre che l’indiscusso talento, anche la gigantesca umanità di cui era pervaso questo artista unico e irraggiungibile.


    Ingresso 15 euro (e noi offriamo un buon calice di vino ligure!)
    Info e prenotazioni: proscenio@apres-coup.it oppure chiamando il numero 02.38243105

  • 24
    24.Ottobre.Mercoledì

    19:30-22:00
    2018.10.24

    Storytelling: Gli Audaci Cantori – Capitolo 4 “Tienimi la mano”

    La paura di volare ci blocca sull’orlo del precipizio.
    A volte questa paura è una benedizione perché non abbiamo ancora messo le ali e saltare vorrebbe dire schiantarsi.
    Altre volte è maledetta perchè le ali le abbiamo, ma per fare il primo passo e spiccare il volo ci vogliono il coraggio dei leoni e la fede dei santi.

    “Chi o che cosa ti ha tenuto la mano mentre guardavi nel vuoto l’attimo prima di lasciarti andare?”

    Questa è la domanda che ho rivolto ai CANTORI del capitolo 4.

    Buon ascolto,

    Massimiliano Balduzzi

    ———————-

    GLI AUDACI CANTORI è una serata di racconti dal vivo ideata e curata dall’attore e performer Massimiliano Balduzzi per lo spazio Bistrot di Après-coup. Ispirata agli incontri di storytelling contemporaneo, come The Moth e The Tell di New York, e omaggio al fare filò di un tempo lontano, l’idea è di dare al pubblico la possibilità di ascoltare quattro storie legate da un tema comune, narrate da altrettanti cantori invitati da Massimiliano Balduzzi per l’occasione.
    Uniche condizioni cui ciascun narratore dovrà attenersi sono la veridicità della storia e una durata che non superi i quindici minuti.
    Con GLI AUDACI CANTORI s’intende presentare quattro storie che non siano state precedentemente scritte o memorizzate, ma che siano raccontate dal vivo con quell’immediatezza audace, imprevedibile e imperfetta, che caratterizza la narrazione orale.
    Per una sera, lo spazio incantato di Après-coup sarà teatro di una sperimentazione dedicata all’ascolto intimo che intende celebrare l’incredibile varietà dell’esperienza umana.

    INGRESSO GRATUITO
    Per info e prenotazioni: info@apres-coup.it oppure 02.38243105

Le serate di Après-coup