Tutto quello che volevo – Cinzia Spanò

TUTTO QUELLO CHE VOLEVO

di e con Cinzia Spanò
lettura scenica dallo spettacolo prodotto dal Teatro dell’Elfo

Fece molto scalpore qualche anno fa la storia di due ragazzine di 14 e 15 anni che si prostituivano dopo la scuola in un appartamento di viale Parioli.
La storia che raccontiamo inizia quando la strada della più piccola delle due ragazze incrocia quella della Giudice Paola Di Nicola, chiamata a pronunciarsi su uno dei clienti della giovane, un professionista romano di circa 35 anni.

La Giudice, che deve esprimersi anche sul risarcimento del danno da destinare alla ragazza, si accorge subito che nessuna cifra potrà mai restituirle quello che le è stato tolto.

Inoltre: “Com’è possibile risarcire quello che ha barattato per denaro dandole altro denaro? In questo modo non si farebbe che rafforzare in lei l’idea che tutto è monetizzabile, anche la dignità.”

La riflessione della Giudice culmina con una sentenza di cui hanno scritto i giornali di tutto il mondo.
“L’unico strumento capace di restituire dignità e libertà alla ragazza non è il denaro ma qualcosa di molto più importante: la Conoscenza.”

Tutto quello che volevo – Cinzia Spanò